Cessione Del Quinto Forze Armate

Cessione Del Quinto Forze Armate

La cessione del quinto per le Forze Armate si rivolge al personale civile e militare in servizio attivo. Di fatto possono usufruirne sia i dipendenti che i pensionati. Ricordiamo che fanno parte delle Forze Armate:

  • Esercito Italiano
  • Aeronautica
  • Marina Militare
  • Carabinieri.

La cessione del quinto sullo stipendio è una particolare forma di prestito garantito che consente, a coloro che ne hanno bisogno, di disporre di liquidità per soddisfare le proprie necessità. Per farne richiesta non è necessario giustificare la richiesta del prestito. Ciò che è importante, invece, è avere un contratto di lavoro che sia equivalente o superiore, in termini di tempo, al risarcimento del debito contratto. Il prestito con cessione del quinto per dipendenti delle Forze Armate, così come avviene per le Forze dell’Ordine non necessita di garanzie, anche nel caso in cui i richiedenti, quindi carabinieri piuttosto che militari, abbiano altre pendenze e finanziamenti in corso.

La disciplina che regola le prestazioni creditizie erogate da Inps Inpdap è contenuta all’interno del Regolamento. Quest’ultimo, come ben sai, è emanato a favore degli iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni sociali e creditizie, che di fatto, è alimentata dai contributi che nel corso del tempo vengono versati dai dipendenti pubblici. La possibilità di usufruire di un prestito con cessione del quinto è strettamente dipendente dalla presenza o meno di alcuni requisiti predisposti dal Regolamento stesso.

Quali sono i requisiti richiesti?

Iniziamo subito con il definire quali sono i requisiti richiesti per accedere alla cessione del quinto per militari. Eccoli elencati di seguito:

  1. Prestare servizio presso le Forze Armate
  2. Essere regolarmente iscritto alla Gestione Unitaria delle Prestazioni sociali e creditizie
  3. Dimostrare di aver maturato più di 4 anni di contributi al servizio del pubblico impiego
  4. Godere di un regolare contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato (con una durata non inferiore ai 3 anni)
  5. Percepire una regolare busta paga mensile
  6. Rilasciare il TFR maturato a fronte dell’obbligazione debitoria assunta dal dipendente statale.

Cessione del 5° per dipendenti (nuova convezione 2019).

Verifica gratuita con SMS: verifica se hai i requisiti per ottenerla e simula la rata

  1. Compila il modulo inserendo un numero di telefono valido;
  2. Attenzione: solo se il numero inserito è valido riceverai un SMS di conferma
  3. Completa la verifica

Documenti necessari per la richiesta

Per richiedere la cessione del quinto per le Forze Armate è necessario presentare l’apposita domanda, corredata dalla dovuta documentazione, presso un istituto finanziario o bancario convenzionato, come ad esempio il prestito BNL. I documenti da consegnare sono facilmente reperibili e tra questi ricordiamo:

  • Carta di identità o Passaporto in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Ultime buste paga
  • Stato di servizio rilasciato dall’Ente presso cui si lavora.

Attenzione, però. Ogni istituto o banca può richiedere anche altri documenti. Per tale motivo risulta sempre importante informarsi in via preventiva con l’istituto scelto, onde evitare perdite di tempo.

Cessione del quinto Forze Armate

Vediamo adesso quali sono le caratteristiche di questo prestito agevolato. Come suggerisce il nome stesso si tratta di un prodotto creditizio che prevede la cessione del quinto dello stipendio netto. È un prestito garantito a tasso fisso, libero come accennato in precedenza da specifiche finalità, grazie al quale il rimborso delle rate si effettuano a mezzo trattenuta della somma pattuita sullo stipendio, non oltre il quinto, da parte del datore di lavoro.

Così come avviene anche per i prestiti ai dipendenti pubblici e ai dipendenti statali, il prestito erogato viene rimborsato direttamente dal datore di lavoro all’istituto finanziario o bancario creditore. In fase di contratto chiaramente viene concordata la quota che fissa che verrà versata mensilmente fino a giungere alla completa estinzione del debito.

La cessione del quinto è un prestito garantito. Infatti l’Art. 1, comma 5, D.P.R. n. 180/1950 prevede che sia necessaria, in qualità di garanzia, un’assicurazione sulla vita che favorisca il recupero del credito nel caso di morte prematura del contraente, o il rilascio del TFR nel caso in cui vi sia un’interruzione improvvisa del rapporto di lavoro prima che il debito venga estinto.

Cessione del quinto BNL Finance

Cessione Del Quinto Forze Armate BNL Finance

Come abbiamo accennato è possibile richiedere il prestito presso alcuni istituti convenzionati. Tra le varie soluzioni spicca certamente la cessione del quinto per le Forze Armate BNL Finance.

Si tratta di un prestito molto semplice, a tasso fisso e rate costanti. Il capitale percepito viene rimborsato tramite addebito sullo stipendio e può variare dai 24 ai 120 mesi. Quali sono i vantaggi di questo tipo di prestito concesso da BNL alle Forze Armate? Come si legge dal sito ufficiale i vantaggi sono i seguenti:

  • Rateizzazione del prestito fino a 120 mesi
  • Tassi e rata fissi per tutta la durata del prestito
  • Trasparenza e sicurezza garantita
  • Possibilità di usufruire di un prestito garantito da una copertura assicurativa sulla vita e sul rischio perdita d’ impiego, a carico di BNL Finance.

Quali sono i documenti da presentare? Partendo dal presupposto che per maggior sicurezza è sempre opportuno richiedere conferma all’istituto che eroga il prestito, è possibile dire che i documenti da presentare sono i seguenti:

  • Carta di identità o Passaporto in corso di validità
  • Codice Fiscale
  • Ultime due buste paga
  • Stato di servizio. Documento che viene rilasciato dalla caserma in cui si lavora

Cessione del quinto NoiPA

Anche le Forze Armate possono richiedere il prestito in convenzione NoiPA. Quest’ultimo è un portale istituito dal Dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi (DAG) del Ministero dell’Economia per gestire alcune pratiche e snellire determinate procedure.

Un prestito i convenzione consente ai richiedenti di ottenere una cifra a tasso fisso da parte di istituti autorizzati che hanno firmato un accordo con la Pubblica Amministrazione centrale o periferica. Stipulando tale prestito si autorizza, quindi, l’Amministrazione a prelevare la somma pattuita direttamente dallo stipendio del richiedente. Tutti i parametri relativi ai prestiti sono stabiliti direttamente con il MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze).

La cessione del quinto NoiPA prende anche il nome di delegazione convenzionale di pagamento.

Il piccolo prestito per le Forze Armate

Il prestito erogato alle Forze Armate da restituire con un piano di ammortamento di 12, 24, 36, 48 mensilità, rientra tra i prodotti creditizi conosciuti con il nome di Piccoli Prestiti. Accendere a questo tipo di soluzione con cessione del quinto sullo stipendio è molto semplice. Non necessita di finalità, ma sulla base della disciplina che lo regolamenta, è indispensabile allegare alla richiesta i documenti che attestano l’anagrafica del soggetto o comunque la situazione economica.

E i costi? Come si evince dal Regolamento Per l’Erogazione Di Prestiti dell’Inpdap (Istituto Nazionale di Previdenza Per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica): Sull’importo lordo dei piccoli prestiti si applica il tasso di interesse nominale annuo del 4,25%, nonché la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione e quella relativa al contributo del fondo rischi, secondo le misure percentuali previste, per le diverse categorie di richiedenti, dalla tabella allegata al presente regolamento. Gli importi delle spese di amministrazione e del contributo per il fondo rischi sono trattenuti all’atto dell’erogazione del piccolo prestito”.

Rate this post