Piccolo Prestito Inpdap

Piccolo Prestito Inpdap

Vuoi avere maggiori informazioni sul piccolo prestito Inpdap? Ne parliamo oggi fornendoti tutte le informazioni necessarie per capire di cosa si tratta e chi può richiederlo.

Facciamo una breve precisazione prima di addentrarci nel nostro argomento. Oltre alla cessione del quinto, dipendenti e pensionati pubblici possono accedere a un piccolo prestito, per ottenere cifre di piccola entità, utile per far fronte a spese impreviste non ingenti. Si tratta, nello specifico, del piccolo prestito gestione pubblica ex INPDAP che viene concesso dall’Ente in base alla disponibilità di bilancio prevista per ogni anno solare.

È importante sottolineare che dal 2012 l’Inpdap è stato soppresso e le sue responsabilità sono ricadute all’interno dell’Inps. Per tal motivo ad oggi si parla di piccoli prestiti gestione pubblica erogati dall’Inps o ancora di piccolo prestito ex Inpdap. Si tratta di un prodotto creditizio vantaggioso, dedicato a coloro che sono regolarmente iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, conosciuto anche con il nome di “Fondo Credito”.

Che cos’è il Fondo Credito? Si tratta di un servizio di gestione delle prestazioni creditizie e sociali.

Nel caso dei dipendenti delle amministrazioni statali e locali l’iscrizione è obbligatoria. Il suo costo, addebitato in busta paga, è dello 0,35%. nel caso dei pensionati, invece, l’iscrizione non è scontata. Questa vi è solo se, al momento del pensionamento, un pensionato presenta anche la richiesta di inserimento nel fondo credito. In tal caso la trattenuta sulla pensione è pari 0,15%.

Quanto si può ottenere?

Grazie al piccolo prestito Inpdap è possibile di usufruire di una cifra pari a una mensilità netta di stipendio o suoi multipli fino a un massimo di 4 mensilità. E il rimborso? Quest’ultimo varia in base alla cifra richiesta. Per semplificare possiamo dire che:

  • 1 mensilità con rimborso in 12 rate (1 anno)
  • 2 mensilità con rimborso in 24 rate (2 anni)
  • 3 mensilità con rimborso in 36 mesi (3 anni)
  • 4 mensilità con rimborso in 48 mesi (4 anni)

È opportuno sottolineare che il piccolo prestito Inps ex Inpdap si può richiedere anche in doppia mensilità se non vi sono altre trattenute in corso sullo stipendio o sulla pensione. E quindi avremo:

  • 2 mensilità con rimborso in 12 mesi (1 anno)
  • 4 mensilità con rimborso in 24 mesi (2 anni)
  • 6 mensilità con rimborso in 36 mesi (3 anni)
  • 8 mensilità con rimborso in 48 mesi (4 anni)

Cessione del 5° (nuova convezione 2020).

Verifica gratuita con SMS: verifica se hai i requisiti per ottenerla e simula la rata

  1. Compila il modulo inserendo un numero di telefono valido;
  2. Attenzione: solo se il numero inserito è valido riceverai un SMS di conferma
  3. Completa la verifica

Chi può richiederlo?

Il piccolo prestito Inps può essere richiesto dai dipendenti pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni sociali e creditizie, dai dipendenti di Poste Italiane, e ancora da insegnanti e dal personale scolastico e sanitario.

Per farne richiesta è necessario presentare per via telematica la richiesta presso l’Inps, accedendo alla propria area riservata, o ricorrendo a istituti bancari e finanziari convenzionati con l’ente in questione. Dopo la presentazione, considerando che i prestiti vengono erogati in base alla disponibilità del Fondo Credito, è possibile verificare lo stato della pratica entrando nella propria area riservata. E quindi comprendere se è stata accettata o meno.

Quali sono i tempi di erogazione del prestito? Diciamo che i tempi non sono proprio brevissimi. In generale, possiamo dire che i piccoli prestiti vengono erogati entro 60 giorni dalla ricezione della domanda.

Rinnovo ed estinzione del prestito

In molti si chiedono se sia possibile rinnovare il prestito. La risposta a questa domanda è sì. Il rinnovo si può fare dopo aver superato il periodo minimo di ammortamento previsto. Quest’ultimo è pari al 50% del periodo complessivo del piano di rimborso pattuito, ovvero:

  • 6 mesi per il prestito annuale
  • 12 mesi per il biennale
  • 18 mesi nel caso del triennale
  • 24 mesi, infine, per il quadriennale.

Oltre al rinnovo, si può estinguere anticipatamente il piccolo prestito Inpdap? Ancora una volta la risposta alla domanda è affermativa. Se si desidera estinguere il prestito prima della scadenza del contratto basta collegarsi alla propria area riservata sul sito dell’INPS. Accedendo alla sezione “Servizi Gestione Dipendenti Pubblici (ex Inpdap)” basterà scegliere la voce “Prestiti – Domanda anticipata estinzione” per procedere con l’operazione che si vuole portare a termine.

Rate this post
Cessione del quinto?
VERIFICA SE HAI I REQUISITI